Ciclismo in inverno: si può fare!

Potrebbero interessarti anche...

5 Risposte

  1. Lorenzo ha detto:

    Grazie per i pratici consigli. Mi sono avvicinato questo anno alla bici da corsa e non volevo interrompere per il periodo invernale. I tuoi suggerimenti mi permetteranno di proseguire anche in un periodo dove è difficile mettere il capo fuori per il brutto tempo!

  2. Ugo ha detto:

    Ciò che lei scrive è assolutamente vero. Salgo a Montevergine (Avellino) anche in inverno e durante la salita sono assolutamente indifferente al freddo, anche rigido. E’ una sensazione sconcertante: avverti che fuori dal tuo corpo fa freddo… ma tu non senti freddo. Ovviamente la discesa non è ugualmente confortevole (ed infatti porto con me altri indumenti). È comunque vero che la cosa migliore da fare è pedalare anche in discesa.

  3. Silvia ha detto:

    Grazie per i consigli. Mi trovo in linea col tuo pensiero e ho anche verificato di persona il discorso dell’inversione termica e dell’utilità di avere una MTB…

  4. Gianni ha detto:

    Ciao Marco, consigli molto interessanti. Io soffro molto il freddo a piedi e mani. Da un paio d’anni d’inverno uso l’olandese di mia moglie. Pedali liberi che permettono di utilizzare scarponcini, guantoni quasi da boxe, parafanghi e portapacchi posteriore dove appoggiare un borsello. Mi diverto un mondo, soprattutto quando mi trovo a battagliare in salita con colleghi ciclisti che non credono ai loro occhi, dato che un po’ furbescamente nascondo il mio essere ciclista indossando abiti comuni.

  5. Davide ha detto:

    Ottimo suggerimento visto che la tristezza per via del tempo mi sta già saltando addosso da qualche giorno!!!

LASCIA UN COMMENTO (dovrai attendere la sua approvazione)

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

:bye:  :good:  :negative:  :scratch:  :wacko:  :yahoo:  B-)  :heart:  :rose:  :-)  :whistle:  :yes:  :cry:  :mail:  :-(  :unsure:  :sborone:  ;-)  :testone: